L'arte visiva di Tim Burton è unica nel suo genere, a dimostrazione della sconfinata creatività di un artista completo. Formatosi al California Istitute of the Arts, Burton ha amato il disegno sin da bambino, come si nota dalle illustrazioni presenti nel suo libro, The Art of Tim Burton; opere concettuali che verranno esposte il prossimo maggio al LACMA, il Los Angeles County Museum of Art.

Recentemente Burton ha concesso un'intervista al californiano David L. Ulin, che ha chiacchierato con il regista di Edward Mani di Forbice, attualmente fermo nella sua casa in Inghilterra con la moglie Helena Carter e figli. Argomento principale della discussione l'Arte visiva racchiusa nel suo libro. "Per me significa tanto" ha spiegato Burton. "Mostra tutti i processi mentali che hanno portato a creare personaggi e ambientazioni, anche della mia infanzia. Mostra l'evoluzione. Se lavoro a un film o a qualsiasi altro progetto, la parte più bella è la creazione, la manualità. Quando ho finito, il risultato è appagante, ma la cosa più importante per me è la fase progettuale, il processo creativo". 

Il background di Burton è indubbiamente l'animazione. A tal proposito, nell'intervista ha risposto: "All'inizio della mia carriera ero uno che parlava poco" ha detto, definendosi una 'persona non-verbale'. Richiamo, questo, a una delle sue prime opere, il cortometraggio animato in stop-motion di Vincent, interamente senza dialoghi e in bianco e nero, narrato dalla voce di Vincent Price

La prima edizione de The Art of Tim Burton uscì la prima volta nel 2009, in concomitanza con una retrospettiva al Museo d'Arte Moderna di New York, il MoMa (notizie/11298). La stessa rassegna visiva sbarcherà al LACMA a maggio, ma nel frattempo Burton ha lanciato una nuova edizione del libro, con materiale bonus, tra cui una litografia firmata. Il libro è auto pubblicato dal regista, ed è disponibile sul suo sito.

"Quando lo presentai per la pubblicazione l'editore non sembrava entusiasta dell'idea, così ho deciso di farlo autonomamente" ha fatto sapere Burton. "E' stato divertente occuparmene di persona. Un'altra esperienza positiva". 

Tim Burton non è estraneo ai libri. Già nel 1997 pubblicò la raccolta di poesia e disegni The Melancholy Death of Oyster Boy and Other 

Stories (Morte Malinconia del Bambino Ostrica e altre storie, edito in Italia da Einaudi), e un altro libro per bambini: un adattamento al classico d'animazione The Nightmare Before Christmas.

Più recentemente, insieme a Lia Gallo e al designer Holly C. Kempf, ha pubblicato alcuni volumi commemorativi tratti dalle sue versioni cinematografiche di "Sweeney Todd" e "Alice in Wonderland". 

Tim Burton: from Gotham to Wonderland

Esce per NeroPress edizioni un saggio che approfondisce la figura del geniale regista di Big Fish, Edward Mani di...

Francesco Coppola, 11/07/2014

Un nuovo trailer per Frankenweenie di Tim Burton

La Disney mette on line il nuovo trailer di Frankenweenie, il film d'animazione firmato Tim Burton che uscirà nelle...

Cristina Donati, 2/07/2012

Le tenebrose idee chiare di Tim Burton

L’instancabile regista e produttore Tim Burton svela i suoi numerosi progetti futuri ai giornalisti di Collider:...

Marianna Grande, 31/05/2012