La rivista di economia Forbes è famosa per le sue classifiche sugli uomini più ricchi e/o potenti del mondo. Non solo classifiche assolute, ma anche settoriali, come quella degli attori, degli sportivi, dei politici etc. etc.

Questa volta i giornalisti della rivista hanno vagliato la consistenza dei patrimoni dei personaggi del mondo della fantasia e hanno stilato una classifica denominata "Forbes Fictional 15".

Sono stati valutati personaggi protagonisti di opere di finzione narrativa, in qualsiasi forma, escludendo personaggi mitologici e folcloristici, notoriamente riconosciuti come ricchi nel loro universo narrativo.

Per stimare le fortune dei personaggi gli autori di Forbes hanno esaminato i beni presenti nelle storie dei personaggi, e hanno usato come metro di valutazione il valore che hanno gli omologhi del mondo reale.

Per quanto riguarda le società possedute dai personaggi, le hanno comparate con società reali di analoghe dimensioni e settore, valutando "cum grano salis", sulla base della propria esperienza, sempre ricordandosi che di un gioco si trattava.

Il primo dei 15 è Zio Paperone, il famoso papero disneyano, conosciuto negli Stati Uniti come Scrooge McDuck, il cui patrimonio, di cui la parte monetaria non è affidata al sistema bancario ma è stipata nel famoso deposito dove il papero suole nuotarci dentro, è stato stimato in 44 miliardi di dollari.

L'estrema avarizia del personaggio, la frugalità della sua vita incentrata al risparmio e all'accumulo di denaro lo rendono irraggiungibile dal secondo in classifica, Carlisle Cullen, uno dei vampiri protagonisti della saga di Twilight, che nonostante abbia avuto parecchi anni per accumulare denaro e farlo fruttare apprezza di più le comodità della vita moderna. 36,2 miliardi di dollari frutto quasi esclusivo degli interessi sui depositi tenuti in banca dal 1670.

Terzo in classifica è Artemis Fowl II, il personaggio inventato da Eoin Colfer, che guida l'azienda di famiglia dall'età di 10 anni. I suoi geniali brevetti gli hanno fruttato un patrimonio di 13,5 miliardi di dollari.

Il piccolo Fowl ha superato come "bambino più ricco del mondo" Richie Rich, personaggio di strisce a fumetti risalenti agli anni '60, anch'egli erede prematuro della fortuna accumulata dal padre, stimata in 9,7 miliardi di dollari. 

Lo segue di poco Jed Clampett, contadino arricchito con il petrolio protagonista della divertente sit-com degli anni '60 The Beverly Hillbillies. 9,5 miliardi di dollari non sono comunque spiccioli.

Di nostra competenza il sesto posto in classifica, che vede Tony Stark, industriale miliardario, alter-ego del super eroe Iron Man dell'universo Marvel,  il cui patrimonio stimato è di "soli" 9,4 miliardi di dollari. Tony, che ha ereditato e fatto fruttare l'azienda di famiglia, non solo investe in ricerca e sviluppo i guadagni dei suoi brevetti, ma si gode decisamente la vita, tra hobby costosi come le corse in automobile, jet privati e vita mondana.

Sul settimo gradino del podio Forbes pone il drago Smaug, antagonista di Bilbo Baggins nel romanzo di J.R.R. Tolkien Lo Hobbit o La riconquista del tesoro, che a furia di saccheggi ha accumulato un tesoro il cui valore è stimato in 8,6 miliardi di dollari. Lo vedremo presto nel film in due parti che Peter Jackson sta dirigendo.

Lo segue leggermente distaccato Bruce Wayne, altro erede prematuro, ma che è tornato alla guida delle industrie paterne solo in età adulta, dopo essersi allenato e preparato a diventare il giustiziere incappucciato che tutta Gotham City conosce come Batman. Spende molto in armi e congegni sofisticati per la lotta al crimine, pertanto il patrimonio personale è stimato in 7 miliardi di dollari. Buttali via...

Di seguito la classifica completa (in miliardi di dollari).

Eoin Colfer, Da Artemis Fowl a Fowl Twins

L'autore parla del suo nuovo romanzo, Fowl Twins, nuova trilogia della saga per ragazzi di Artemis Fowl,...

Irene Grazzini, 3/11/2020

Lo Hobbit: un viaggio videoludico inaspettato

Rievochiamo una delle trasposizioni del romanzo di J.R.R. Tolkien di maggior successo: l'adventure game degli anni '80.

Emanuele Manco, 19/12/2012