Con il nuovo anno giunge in libreria il nono volume della serie della Confraternita del Pugnale Nero.

Il titolo del nuovo romanzo della acclamata scrittrice J. R. Ward è Ferita (Black Dagger Brotherhood: Lover Unleashed, 2011) ed è il seguito all’ottavo volume (Tu sei mio).

La serie è rivolta a una fascia di lettori adulti e si può considerare “paranormal romance e urban fantasy”. È comunque da evidenziare che partendo proprio dal  sesto titolo l’autrice ha dato maggior rilievo alla parte “urban fantasy” a discapito della “paranormal romance”.

Per avere una “visione” di tutti i titoli pubblicati sino a ora dalla Rizzoli e di quelli già usciti negli Usa ecco l’elenco completo della serie:

1. Dark Lover                        -  Il Risveglio

2. Lover Eternal                    -  Quasi Tenebra

3. Lover Awakened               -  Porpora

4. Lover Revealed                 -  Senso

5. Lover Unbound                 -  Possesso

6. Lover Enshrined                -  Oro Sangue

7. Lover Avenged                 -  Riscatto

8. Lover Mine                        -  Tu sei mio

9. Lover Unleashed              -  Ferita

10. Lover Reborn (2012)

11. Lover At Last (2013)

Altri titoli seguiranno in futuro. Ricordiamo inoltre che negli Usa è stato anche pubblicato il volume The Black Dagger Brotherhood: An Insider’s Guide, una guida per i primi 6 libri.

Nel romanzo ora in libreria seguiremo le avventure di Payne, la sorella gemella di Vishous, e del chirurgo dell’ospedale di Caldwell, quel dottor Manny Manello di cui abbiamo letto in Possesso.

Payne non ha molto tempo di godersi il suo ritorno alla “vita” in quanto un terribile incidente l'ha resa paralitica. Pertanto chiede di essere uccisa piuttosto di passare tutta la sua esistenza bloccata.

Sarà suo fratello Vishous a proporle di tentare una operazione difficile che però potrebbe farla tornare a camminare. L'operazione verrà effettuata proprio da Manny. Stando in continuo contatto tra i due i rapporti dottore/paziente si trasformeranno in qualcosa di molto, molto caldo.

Ma per Payne sorgeranno anche altri problemi forse più pericolosi dell’operazione in quanto dalla lontana Europa arriva il vampiro Xcor con un suo gruppo di accoliti. Vuole vendicarsi della morte del padre ucciso proprio dalla bella vampira

Un brano

"Quando alla fine lei lo guardò negli occhi, Manny avrebbe voluto piangere.

'Io...' Ma lasciò la frase in sospeso.

La verità era che l'amava. Perdutamente e per sempre. Ma era proprio quella la loro maledizione. Non sarebbe mai riuscito a dimenticarla, e non ci sarebbe mai stata nessun'altra per lui."

La quarta di copertina

La bellissima vampira Payne, sorella gemella di Vishous e indomita guerriera, ha appena iniziato ad assaporare la libertà dopo una lunghissima prigionia e si prepara a scoprire un mondo a lei sconosciuto insieme ai membri della Confraternita. Finché un incidente la lascia paralizzata. Quando Payne chiede la morte, piuttosto che rassegnarsi a un'esistenza mutilata, Vishous decide di accettare l'aiuto di un uomo di cui non si fida, Manny Manello, l'unico chirurgo in grado di tentare la difficile operazione che potrà forse restituire alla vampira la capacità di camminare. Tra il dottore e la paziente nasce ben presto un'attrazione che li porta a vivere emozioni e sentimenti mai provati. Qualcuno però è sulle tracce di Payne, in cerca di vendetta: il vampiro Xcor, giunto dall'Europa a capo di un gruppo di rinnegati e rimasto orfano di padre proprio per mano della guerriera. Quali verità nascoste emergeranno dal passato di Xcor e PaYne?

L’autrice

Le montagne della follia e Il caso di Charles Dexter Ward di H.P. Lovecraft ritornano in libreria

Due capolavori del Maestro di Providence ritornano nella collana Oscar Fantastica.

Emanuele Manco, 29/03/2019

Tu sei mio Confraternita del pugnale nero

In libreria l’ottavo capitolo della serie “La confraternita del Pugnale Nero”, il ciclo urban fantasy di J.R....

Pino Cottogni, 25/06/2012

Una donna indimenticabile

Con questo romanzo conosciamo l’altra “faccia” di J.R. Ward. Quella che si firma Jessica Bird.

Pino Cottogni, 17/04/2012