Lucca Comics And Games
  
 

Il futuro è del Fantasy?

inizio - indietro - pagina 5 di 8 - continua

Alberto Priora (Fantascienza.com)

A mio parere si continua a non voler distinguere il livello commerciale (che è quello più evidente, quello che assomiglia più a una moda) dal livello culturale (che è invece la base concettuale di partenza). Così come si confonde (o fa molto comodo confondere) l'evoluzione di un genere con la sua trasformazione, se non con la sua scomparsa. Certo che adesso il Fantasy ha un successo commerciale che è aumentato con il passare degli anni e si può essere d'accordo che alcuni degli elementi di successo siano stati la presenza massiccia di un pubblico femminile, uscito da limiti culturali che gli erano imposti in passato (o da cui non riusciva a sfuggire), e di un pubblico di età più giovane che non subisce più gli acquisti dei propri genitori, ma che è in grado di acquistare avendo disponibilità di denaro o perlomeno di indirizzare le scelte di acquisto. Ovvero il successo del fantasy moderno è dovuto in gran parte a un lavoro e a un investimento di marketing a tutto campo, quel genere di investimento che la fantascienza tradizionale non ha mai avuto. Perché,? Perché la fantascienza (o meglio il fantastico in generale) offre una cultura che il fantasy attuale tende invece a derivare e semplificare dalla stessa fantascienza.E se togliessimo questa fetta di introiti, cosa rimarrebbe? A guardare almeno il mercato letterario americano, rimarrebbe il prevalere della produzione di fantascienza.E ci sono anche altri campi simili con cui confrontare.Un esempio è quello dei manga rispetto ai fumetti più tradizionali (che possiamo identificare in maniera semplicistica con i supereroi statunitensi); i manga devono il loro successo ai nuovi settori di pubblico, ma malgrado questo successo non c'è stata la scomparsa dei fumetti tradizionali (a cui, tra l'altro, debbono molto a livello di radici). Aumento di successo di pubblico, equivale anche a strada del futuro? Mica tanto. Non va dimenticato che questa crescita di domanda ha portato a una crescita dell'offerta, ma non a una pari crescita nel livello di qualità. La qualità attuale del fantasy è inferiore a quello del fantasy di una ventina di anni fa (si potrebbe aggiungere che tutto quello che si sta globalizzando a livello di offerta di intrattenimento subisce lo stesso calo di qualità; un abbassamento dei contenuti a favore di una fruibilità più immediata).In questa ottica ridotta è facile vedere "la morte della fantascienza" se la si vuole vedere solo in alcuni dei suoi elementi più iconografici (che nel frattempo dalla fantascienza si sono spostati a contaminare tutto il resto) e si ignorano la sua natura speculativa, di innovazione e di ricerca. Perché la fantascienza è capace di evolversi e non ha mai smesso di farlo. perché è sempre stato un punto di partenza e mai di arrivo e non la si può prendere come punto di arrivo (come invece tende a mostrarsi il fantasy attuale). 

 

Giovanni De Matteo (Fantascienza.com)

La contrapposizione tra fantasy e fantascienza che occasionalmente vediamo riesplodere mi ricorda un elaborato esperimento genetico volto a cogliere il meglio delle sparate promozionali e del dibattito su cosa al giorno d’oggi differenzi la destra dalla sinistra. Ce n’è abbastanza da fare le ore piccole davanti alla giusta combinazione di stimolanti e inibitori del sistema nervoso centrale. Per non farla troppo lunga, parto dalla mia esperienza personale per illustrare la mia posizione in merito alla diatriba e le ragioni che mi spingono a pensarla in questo modo. Non sono un lettore di fantasy — non del fantasy propriamente detto. Non lo sono mai stato. Prediligo per attitudine la fantascienza, ma non disdegno di avventurarmi consapevolmente lungo i sentieri del fantastico, inerpicandomi quando serve sulle pendici dell’horror. Ecco, ultimamente mi è capitato più di una volta di ritrovarmi tra le mani opere che avrebbero potuto essere collocate senza troppe difficoltà su ciascuno di questi scaffali. Da Nostra Signora delle Tenebre di Fritz Leiber (anno di grazia 1978) al ciclo dei Principi Mercanti che in tempi più recenti ha contribuito alla fortuna di Charles Stross, la storia dei generi è costellata di opere a cavallo dei loro presunti confini, pronte a sfidare il dominio convenzionalmente riconosciuto a ciascuno di essi.

Le classificazioni, come spesso accade, fanno comodo più ai critici che ai lettori o agli autori. Lo dimostra l’ansia sempre viva per le etichette, che portano di volta in volta alla ribalta le istanze dell’urban fantasy, o dello science-fantasy, o del clockpunk, e così via, a piacimento: nani e ballerine a inscenare lo spettacolo continuo del circo a tre piste degli uffici di marketing, con l’assistenza di quella loro succursale da tempo rappresentata dagli autorevolissimi settori della critica letteraria. Ma scegliere titoli di confine per pontificare sulla vitalità di un genere o attestarne la supremazia, oltre a essere discutibile sotto il punto di vista del metodo, comincia a odorare di disonestà culturale nel momento in cui si ricorre a palesi forme di appropriazione indebita. Lo steampunk è fantasy o science fiction? Il suo successo testimonia davvero il successo del fantasy o è piuttosto una declinazione della fantascienza che meglio si adatta a questi tempi di fuga dal futuro? E chi legge/scrive steampunk è più interessato a estraniarsi dal presente o a indagare da una nuova prospettiva le radici tecnologiche e scientifiche della nostra epoca? Ma soprattutto… chi si appassiona di punk a vapore (o lanterne a gas, o meccanismi a orologeria) è di destra o di sinistra?

 

inizio - indietro - pagina 5 di 8 - continua
Autore: Emanuele Manco - Data: 2 marzo 2010

Vota questo articolo

Voti dei lettori

8 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 Strano che nessuno commenti. Su Fantascienza.com c'è una vivace discussione.

» postato da S* alle 22:37 del 01-03-2010

2 Stanno commentando sull'articolo della news invece che su quello della rubrica... 2-3 pagine di là ;)

» postato da Palin alle 22:47 del 01-03-2010

3 http://www.fantasymagazine.it/forum/viewtopic.php?t=14225 Ho l'impressione che si stia discutendo, ma su un'altra domanda... :?

» postato da Kinzica alle 22:50 del 01-03-2010

4 «Ho l'impressione che si stia discutendo, ma su un'altra domanda... :?» Strano, non capita mai che si vada OT qui su FM :mrgreen:

» postato da Palin alle 22:51 del 01-03-2010

5 ««Ho l'impressione che si stia discutendo, ma su un'altra domanda... :?» Strano, non capita mai che si vada OT qui su FM :mrgreen:» Già :mrgreen:

» postato da Kinzica alle 23:07 del 01-03-2010

6 Non è che fare battute sul fatto che si possa essere andati in OT contribuisca a ravvivare una discussione che per altro già langue. Avendo contribuito con commentino mi permetto di dire che non si è affatto andati fuori tema, ma lo si è affrontato sia per quanto riguarda l'aspetto commerciale - Il futuro è del Fantay - sia per la capacità del fantasy di rappresentare il futuro - Il futuro è nel Fantasy (o viceversa) Del resto nemmeno tutti i commenti della redazione sono "in tema" ma non per questo sono da considerarsi meno utili o interessanti ai fini della discussione generale. Queste discussioni tra chi è più katzuto(*) tra Fantasy and Fantascienza stanno per me perdendo un po' di interesse. Apprezzo entrambi i generi e li leggo nelle loro declinazioni più varie. Fatto salvo il piacere della discussione su questo tema, per chi ha voglia e tempo, alla fine bisogna comunque fare i conti con il desolante panorama di quello che viene proposto sugli scaffali delle librerie nostrane e qui sì che salterebbero fuori diversi argomenti di discussione. (*) prima di prendermi della superficiale, aggettivo che ho già nella collezione: lo so bene che questa è una discussione più profonda su quale dei due generi che ci piacciono tanto tanto è attualmente in grado di rappresentare al meglio aspettative e timori del futuro che ci aspetta. Ho letto i commenti ed espresso la mia opinione, un po' più articolata, nell'altro 3d tuttavia il mio livello di interesse non cambia.

» postato da Melian alle 12:32 del 05-03-2010

7 Melian, non ho detto che il tuo intervento fosse OT. Ho detto che nell'altra discussione si parlava più che altro della solita cosa: "Ha più futuro il fantasy o la fantascienza?" (che barba) invece che "E' la fantascienza o il Fantasy a indicare la nostra attuale percezione del futuro?". . E l'ho anche detto in uno dei primi interventi. Quanto alle battute, concediamoci almeno quelle :roll:, specialmente quando sono così generiche da non poter raffreddare una discussione, se questa interessa davvero.

» postato da Kinzica alle 14:23 del 05-03-2010

8 Io sono il giudice supremo di ciò che è IT oppure OT. Donne prostratevi tremanti e implorate la mia magnanimità. :zzott

» postato da G.C. alle 14:28 del 05-03-2010

9 «Io sono il giudice supremo di ciò che è IT oppure OT. Donne prostratevi tremanti e implorate la mia magnanimità. :zzott» Ok, io mi prostro e tu mi magnamigni? <img src=:">

» postato da Kinzica alle 14:32 del 05-03-2010

10 Non sono così autoreferenziale da pensare che fosse diretto a me, è ovvio che vi riferivate alla conversazione in generale e a taluni commenti. Ci mancherebbe che non si possano fare battute OT lamentandosi dell'OT, se la cosa diverte, ma ribadisco quando scritto sopra, secondo me la conversazione dell'altro 3d era tutt'altro che fuori tema. «Io sono il giudice supremo di ciò che è IT oppure OT. Donne prostratevi tremanti e implorate la mia magnanimità. :zzott» Sei OT :twisted:

» postato da Melian alle 14:34 del 05-03-2010

11 Buon articolo, che mi ha spinto a fare alcune considerazioni, ma di carattere diverso. C'è solo un aspetto della fantascienza su cui ho un dubbio concreto, vale a dire se il fascino narrativo di una storia, col tempo, si perda. La fantascienza si distingue perchè, in un modo o nell'altro, c'è sempre l'uomo che ha un rapporto con la tecnologia e scienza, ma questo rapporto col tempo muta: se in passato c'era entusiasmo nel progresso, oggi c'è pessimismo. Questo si riversa direttamente nella produzione, ma anche in un aspetto meno visibile: forse oggigiorno non riusciamo più a cogliere certi aspetti espressivi ed emotivi che invece si provavano al tempo in cui sono state scritte certe storie, e quello che provavano gli autori al loro tempo (che poi riflette la sensibilità del loro tempo). Abbiamo un modo diverso di percepire la tecnologia rispetto già a qualche decennio fa, e di conseguenza possiamo provare emozioni diverse di fronte a una storia di un certo tipo che tratta la tecnologia secondo un'ottica del passato: ci potrebbe suscitare emozioni diverse, o potremmo non provarne più alcune che invece si provavano in quel periodo. In questo il "fantasy" è un po' diverso: si crea un mondo *su misura* in cui incastrare una trama; la fantascienza invece sfrutta, per esprimersi, un rapporto che appartiene alla nostra realtà. In questo senso perciò la fantascienza ha un relativo svantaggio di "invecchiare" rispetto al fantasy a livello tecnico, perché nel tempo rischia di perdere il connotato fantastico (o persino quello realistico) che invece l'autore in origine voleva tenere. Ne ho parlato meglio in un lungo articolo nel mio blog, tra le tante cose: http://www.teriografia.org/blog/condoglianze-signora-fantascienza.html

» postato da grifen alle 03:08 del 16-03-2010

12 Solamente oggi, a distanza di giorni, sono riuscito a laggere questo articolo. Mi astengo dal commentare poichè, purtroppo,ancora non ho maturato una mia tesi sulla questione. Ma ci terrei a sottolineare una piccola perla che l'autore Emanuele Manco ci ha fornito:"il concetto è che alla fine sono le buone storie che vincono, di qualsiasi "genere" esse siano" Credo che in una riga abbia detto molto più di un centinaio di commenti....complimenti :)

» postato da (leggenda ) alle 10:55 del 12-06-2010

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.