George Lucas, l'artefice nel 1977 del film Guerre Stellari e di tutto quello che ne è seguito (altri 5 film e un impero commerciale basato sui prodotti derivati, tra cui giocattoli, libri, cartoni animati, gadget e tanto altro), ha di recente annunciato di non volersi più occupare non solo della saga che gli ha dato tanta fortuna, ma anche di non volere più ricoprire il ruolo di produttore.

Era una intenzione in parte annunciata già all'epoca di Episodio III, quanto meno sul fronte registico. Ma ora Lucas pare che abbia deciso di non curare altri progetti come produttore.

Lucas viene ricordato più volte come l'uomo che è diventato miliardario con una sola idea. Probabilmente è vero che quando quella "sola idea" diventa una cosa delle dimensioni del fenomeno di Star Wars fagocita facilmente tutte le attenzioni e il tempo.

In realtà potremmo dire che magari ne avrà avute poche, ma buone di idee, visto che è anche il co-creatore della saga di Indiana Jones, la cui potenza mediatica è inferiore a quella di Star Wars, ma non trascurabile.

Ma il suo zampino c'è anche nel cult Labyrinth, e nella creazione della LucasArts, software house di storici videogiochi, come Maniac Mansion, Monkey Island e svariati titoli su Star Wars, tra i tanti.

Certo al cinema ha prodotto anche qualche passo falso, assorbito con disinvoltura visti gli enormi guadagni provenienti da SW, come Willow,  Howard Il Papero, Tucker

In ogni caso il bilancio della sua carriera è in attivo. A 67 anni Lucas, secondo quanto ha dichiarato al New York Times ha deciso di ritirarsi.

"Sto andando in pensione", ha detto Lucas. "Sto abbandonando il business, la società, tutto questo genere di cose."

Ma se Lucas è sulla via del ritiro, il 10 febbraio torna nelle sale Episodio I: La minaccia fantasma, in versione 3D, e il regista e produttore non si è sottratto al rituale delle interviste promozionali.

Come quella rilasciata a Entertainment Weekly, nella quale si abbandona all'amarcord più sfrenato, ricordando come siano stati in realtà difficili quei "bei tempi andati", arrivando a definire la lavorazione di Star Wars come "dura, dolorosa e spiacevole." 

"Non mi aspettavo affatto che il film avesse successo. Non penso che qualcuno ci credesse", ha dichiarato.

Lucas ha raccontato come la realizzazione del primo film sia stata resa difficile dalle croniche mancanze di denaro e di tempo, con continui compromessi su tutto.

Per molti dalla "fame" e dalla difficoltà nasce l'arte. E forse è vero se si pensa a cosa erano quei film, a cosa hanno rappresentato per molti di noi. Posso dire senza timori di smentite che è colpa anche Star Wars se mi trovo qui oggi, appassionato di fantastico, a scrivervi. Se pensate a cosa poi è diventato il fenomeno Star Wars. è certo che allo Zio George la fatica iniziale sia stata ben ricompensata.

Il 19 marzo arriva Star Rats – Stella di Leo Ortolani

In arrivo e Star Rats – Stella di Leo Ortolani, primo dei sei nuovi capitoli della parodia edita da...

Valentina Andrea Sala, 18/03/2020

FantasyMagazine e Star Wars

Qual è stato il ruolo della saga di George Lucas nella vita dei redattori di FantasyMagazine?

Emanuele Manco, 16/12/2015

Le Guerre Stellari

Prima di Star Wars c'erano… Le Guerre Stellari! In libreria e fumetteria la versione italiana...

Emanuele Manco, 19/11/2015