Sarà nei cinema da oggi fino al 15 maggio 2014, distribuito da Lucky Red, Principessa Mononoke (Mononoke-Hime), film di animazione diretto da Hayao Miyazaki

Si tratta di un classico della cinematografia d'animazione che al suo esordio in Giappone, nel lontano 1997, superò il film campione di incassi nelle sale fino a quel momento: E.T. - l'extraterrestre. Finì poi col far registrare un totale di incassi superiore ai 150 milioni di dollari, in un Paese con la metà della popolazione degli Stati Uniti e meno di un decimo del numero dei suoi schermi. Nel 1998 il film ottenne anche il premio come miglior film all'equivalente giapponese della cerimonia degli Oscar. 

In Italia il film ebbe una breve distribuzione nel 2000, mediante la Buena Vista (una divisione della Disney), con il titolo Princess Mononoke.

Il film ritorna nelle nostre sale con la traduzione di Giorgio Nardoni e l'adattamento dei dialoghi e direzione del doppiaggio di Gualtiero Cannarsi.

La recensione di Principessa Mononoke

Principessa Mononoke

Principessa Mononoke

Articolo di Maria Cristina Calabrese Giovedì, 8 maggio 2014

Leggi

La sinossi di Principessa Mononoke

Giappone, periodo Muromachi. Il Paese è ancora selvaggio, coperto di foreste, ma il progresso tecnologico comincia a turbare l'equilibrio ecologico. L'ordine gerarchico che regna da millenni comincia a crollare. Nel nord dell'Arcipelago vive una tribù pacifica, quella degli Emishi, il cui futuro capo è il giovane principe Ashitaka. Un cinghiale selvatico posseduto da una divinità malvagia attacca il suo villaggio. Ashitaka lo uccide ma resta ferito ad un braccio e colpito da una maledizione che potrebbe portarlo alla morte. La grande sacerdotessa del villaggio gli consiglia allora di partire verso Ovest dove potrebbe trovare il modo di neutralizzare la maledizione. Durante il suo viaggio Ashikata incontra Jiko, un avido bonzo. Questi gli rivela l'esistenza di una foresta in cui vive un Dio-Bestia, creatura mitica che regna sul mondo animale e vegetale, dotata di poteri soprannaturali. Ashikata arriva al villaggio dei Tatara, una comunità di fabbri, guidata con pugno di ferro da Madame Eboshi. Trincerata nella sua fortezza, Madame Eboshi accoglie gli ammalati, le donne perdute e i contadini senza terra, per difenderli dai clan vicini. Ma Madame Eboshi è odiata da San, una ragazza selvatica allevata dai lupi, che ritiene i Tatara responsabili della distruzione della foresta per alimentare le loro fucine ed estendere il loro dominio. E' soprannominata Principessa Mononoke, “la principessa degli spettri”. Una sera San si introduce nel villaggio per uccidere Madame Eboshi, ma Ashitaka glielo impedisce. Gravemente ferito, lascia i Tatara per riportare la principessa svenuta nel folto della foresta. Lì incontra il Dio-Bestia e un gigantesco combattimento ha inizio tra le forze contrapposte presenti. Ashitaka riuscirà alla fine a raggiungere il suo scopo: far vivere in pace gli uomini, gli animali e gli dei.

Il trailer di Principessa Mononoke

Immagini da Principessa Mononoke

Una nota su Principessa Mononoke firmata da Hayao Miyazaki

Principessa Mononoke - Nota di Hayao Miyazaki

Principessa Mononoke - Nota di Hayao Miyazaki

Articolo di Hayao Miyazaki Giovedì, 8 maggio 2014

In occasione della Festa del Cinema, torna nelle sale dall'8 al 15 maggio Principessa Mononoke, il capolavoro di Hayao Miyazaki più duro per tematiche ma al tempo stesso uno dei più riusciti. Vi proponiamo uno scritto del regista proprio sulla storia di Ashikata e la Principessa Spettro.

Leggi