Abbiamo intervistato Claudio Chillemi, autore del romanzo fantasy L'Aquila Nera, pubblicato da Delos Digital nella collana Odissea Fantasy.

Da dove nasce l'idea di raccontare con il fantasy Federico II?

Ritratto di Federico II con il falco dal suo trattato De arte venandi cum avibus - Autore sconosciuto - Fonte: Wikimedia Commons
Ritratto di Federico II con il falco dal suo trattato De arte venandi cum avibus - Autore sconosciuto - Fonte: Wikimedia Commons

La genesi del romanzo è molto complessa. Avendo alle spalle studi universitari di storia, Federico era uno dei miei personaggi preferiti, sia per la sua sicilianità sia per la sua capacità di essere un sovrano medievale diverso dagli altri. Poi, vivendo in piena Magna Grecia, i miti e le leggende sono sempre state presenti nella mia formazione culturale. Ecco, quindi, l’idea di mescolare elementi storici molto precisi e documentati, con una lunga sequela di miti antichi e di leggende locali. In sostanza, mi sono reso conto che l’ascesa al trono di un ragazzino orfano, che mezza Europa vuole morto, incluso l’autorità papale, sarebbe potuta avvenire solo in presenza di elementi magici e straordinari. Ecco perché ad aiutare il giovane sovrano vi è un precettore religioso, un guerriero pugliese, un vecchio arabo; ma anche un gigante dalle origini oscure, una maga dall’aspetto inquietante, un fantasma e una incantatrice…  

Quali pensi siano gli elementi attuali della visione del mondo di Federico II?

Innanzitutto, per lui governare è una responsabilità non un privilegio. Nelle Costituzioni di Melfi, dirà chiaramente che nessun cittadino, neanche i nobili, sono al di sopra della legge. E che il bene dello Stato è superiore a quello del singolo. Concetti modernissimi, come la sua apertura nei confronti del mondo arabo, che è senza uguali, nel medioevo. E’ stato l’unico sovrano medievale a partire per una crociata e non ha fatto una guerra, ma ha firmato accordi commerciali con il Sultano. Più moderno di così!

Quali letture consigli per conoscerne gli aspetti storici?

Ho dovuto leggere tantissimo per scrivere il libro. Innanzitutto, per chi volesse approfondire storicamente il personaggio consiglio Federico II imperatore di Ernst H Kantorowicz, Federico II di Hohenstaufen di Ornella Mariani e La porta del sapere. Cultura alla corte di Federico II di Svevia di Fulvio Delle Donne. Ma anche molti altri, la bibliografia è sconfinata. Ma nulla può sostituire un viaggio in Sicilia alla scoperta dei luoghi Federiciani, e dei miti greci. Il libro ha dei riferimenti storici molto precisi, e numerosi personaggi sono realmente esistiti, e hanno svolto, nella storia, la funzione che faccio svolgere loro nel romanzo.

Il medioevo sta vivendo una seconda giovinezza nell'attenzione del grande pubblico. Secondo te è merito della divulgazione storica o della popolarità del fantasy che a quell'epoca s'ispira?
L'Aquila Nera
L'Aquila Nera

Il Medioevo ha avuto una fama sinistra per un lunghissimo periodo di tempo, era chiamato anche età oscura, secoli bui, ecc…In realtà ha visto personalità storiche di grande respiro, una di queste è sicuramente Federico II. Il Fantasy si ispira proprio al Medioevo, e lo fa anche perché in parte esso ha un’aura di grande mistero, misto a violenza, presunta magia, fanatismo religioso. In realtà, da questo punto di vista, assomiglia molto al “nostro medioevo”, quello in cui viviamo (si pensi ad esempio all’ignoranza dilagante nei social che sono eredità di quella superstizione tipicamente medievale…). E’ così che, a mio parere, il genere Fantasy ha trovato la sua strada per imporsi nell’immaginario collettivo del XXI secolo, perché anche nei suoi momenti più immaginifici, ha comunque le radici ben piantate nella realtà.

L'Aquila Nera

Sinossi

Sicilia, primi anni del XIII secolo. In una terra scossa dai venti di un feroce conflitto di successione all’ambito trono imperiale, il giovane Federico Hohenstaufen intraprende un pericoloso viaggio insieme a un gruppo di mentori e amici. Percorrendo una terra antica, piena di magia e misteri, di creature fantastiche, crocevia di culture e di civiltà, il giovane aspirante monarca dovrà affrontare nemici nascosti e a viso aperto, distinguendo la lealtà dal tradimento, per dimostrare, soprattutto a se stesso, di essere degno del suo nome e del fardello della corona.

L'autore

Claudio Chillemi,  nato a Catania nel 1964, insegnante, ha pubblicato numerosi racconti, romanzi e opere teatrali per ragazzi. Ha vinto due volte il Concorso Nazionale Teatro e Natura e nel 2000 il premio per il teatro scolastico Arte Per La Pace, e diverse volte il Premio Italia per il miglior racconto di fantascienza. Ha fondato, insieme a Enrico Di Stefano, la rivista amatoriale Fondazione. Tra le sue opere più importanti i romanzi Federico piccolo grande Re (2005) e Kronos (2009). Nel 2014 ha pubblicato sulla prestigiosa rivista Fantasy and Science Fiction il racconto scritto con Paul Di Filippo The Panisperna Boys in Operation Harmony, una ucronia dedicata alla figura di Ettore Majorana.

Claudio Chillemi, L'Aquila Nera , Delos Digital, Odissea Fantasy 36, isbn: 9788825416589, ebook formato kindle (su Amazon.it) o epub (sugli altri store) con social drm (watermark) dove disponibile , Euro 3,99 iva inclusa

Ebook disponibile

Acquistalo subito su uno dei seguenti negozi online: