Here you can find the original English version of the interview: www.fantasymagazine.it/rubriche/5758

La versione originale inglese dell'intervista è qui: www.fantasymagazine.it/rubriche/5758

Come è diventato illustratore?

Beh, io volevo fare fumetti, ma in qualche modo sono finito a fare illustrazioni. Era il modo migliore per essere pagato per dipingere, più o meno. Più di recente ho voluto inoltrarmi in un tipo di lavoro più vicino alle "belle arti" e al design per il cinema: ho sempre amato il cinema, ci sono cresciuto.

La sua produzione spazia tra un vasto ambito di stili e soggetti: tra essi c' uno stile o un'area di lavoro che le piace particolarmente?

Per quanto strano, la mia preferita è la matita. Per me è il medium più espressivo che ci sia. Alan Lee in questo campo è un'ispirazione.

Dopo la matita viene la pittura ad olio. Proprio un mezzo inebriante.

Quale ambito di lavoro preferisce tra Fantasy e Fantascienza?

Difficile dirlo. Mi piacciono entrambi, ma su tutto preferisco dipingere paesaggi. So apprezzare i lavori di Constable e Turner, ad esempio, tanto quanto certe opere di Fantascienza e Fantasy. Penso che i migliori artisti siano quelli che provano idee diverse e tentano molte strade.

Cosa la ispira quando inizia una nuova illustrazione?

Dipende da quello che sto facendo. A volte mi vengono idee spontanee, interiori. Spesso sono le migliori.

Recentemente ho fatto dei disegni di concept design per dei film, per essere precisi film d'animazione.

Nel 2000 ho lavorato su Jimmy Neutron Boy Genius e nel 2003-2004 su The Ant Bully, che uscirà negli USA il 4 agosto di quest'anno. Mi piace molto lavorare per il cinema. Ti costringe a tirar fuori un sacco di idee visuali e di trovate indirizzate specificatamente all' intrattenimento.

Che tecnica preferisce quando lavora?

Mi piace davvero usare la matita e anche i colori ad olio a pennello, di solito su tela.

Sia da un punto di vista personale che professionale, qual'è il lavoro più soddisfacente che ha fatto finora?

Questo è davvero difficile da dire. Nella sua interezza, forse il libro Dragonhenge. A parte questo, alcuni lavori che ho fatto per me stesso.

C'è un autore o una storia in particolare che le piacerebbe e che non ha ancora fatto?

Curiosamente, no, non veramente.

Cosa ne pensa dell'illustrazione Fantasy in generale?

Credo che ciò che mi piace di più sia il lavoro sperimentale. Ad esempio amo Yoshitaka Amano, e naturalmente Alan Lee. Le copertine sono terribilmente digitali: il problema in questo è che non esiste un dipinto finito. Tutto ciò che hai è composto di pixel di luce che, stampato su carta, diventa un poster.

Di solito le piace quello che vede sulle copertine dei libri Fantasy?

Ultimamente no. Perlomeno negli Stati Uniti si fa molta illustrazione digitale, e mentre posso nominarti alcuni grandi artisti digitali, di cui sono certo, circa il 90% di questi lavori ha un aspetto orribile.

Detto questo, ci sono alcuni molti ottimi pittori all'opera oggigiorno.

C'è qualche artista italiano che conosce o apprezza particolarmente?

Leonardo Da Vinci. La vera incarnazione dell'uomo rinascimentale. Riconosciamolo, lui fu il pensatore. L'originale. Quanto più in alto di lui è possibile andare?

Per il vostro paese è un grande onore che sia vissuto e abbia creato proprio in Italia. Che cosa meravigliosa.

E' mai stato in Italia? Le piacerebbe venire a visitarla?

Non sono mai stato in Italia e sì, amerei davvero venire a vedere il vostro grande paese un giorno.

Tutta quell'arte, la storia e il calore umano...e soprattutto il cibo!!!!