“Non c'è pensiero che nascondiate

che il mio potere non sappia vedere,

quindi indossatemi ed ascoltate

qual è la casa in cui rimanere.

É forse Grifondoro la vostra via,

culla dei coraggiosi di cuore:

audacia, fegato, cavalleria

fan di quel luogo uno splendore.

O forse è Tassorosso la vostra vita,

dove chi alberga è giusto e leale:

qui la pazienza regna infinita

e il duro lavoro non è innaturale.

Oppure Corvonero, il vecchio e il saggio,

se siete svegli e pronti di mente,

ragione e sapienza qui trovan linguaggio

che si confà a simile gente.

O forse a Serpeverde, ragazzi miei,

voi troverete gli amici migliori

quei tipi astuti e affatto babbei

che qui raggiungono fini ed onori!

Venite dunque senza paure

E mettetemi in capo all'istante

Con me sarete in mano sicure

Perché io sono un cappello parlante!”

Così il famoso Cappello Parlante accoglie Harry e i suoi amici al loro primo anno nella scuola di magia e stregoneria di Hogwarts e con un discorso simile, e sempre in rima, il Presidente dell’Associazione Back To Hogwarts, Claudio Volpini, impersonificando proprio il magico Cappello, ha accolto i ragazzi che hanno partecipato al primo raduno dell’Associazione. L’evento, basato sulla famosa saga di Harry Potter, che ha riportato centinaia di ragazzi sui banchi di scuola dal 27 al 31 agosto, si è svolto alla Stazione Leopolda di Pisa. 

 

La struttura che ha ospitato la manifestazione è stata allestita in due spazi, uno con lunghi tavoli per simulare la Sala Grande di Hogwarts e l’altro con bancarelle e tavoli addobbati per ricreare l’atmosfera di Hogsmeade, il villaggio commerciale vicino la scuola. 

Dal 27 al 31 agosto Hogwarts arriva a Pisa!

Dal 27 al 31 agosto Hogwarts arriva a Pisa!

Articolo di Simone Bonaccorso Venerdì, 14 agosto 2015

L’ultimo week end di agosto, presso la Stazione Leopolda di Pisa, l’Associazione Back To Hogwarts organizza un raduno per i fan della saga di Harry Potter con lezioni, sfide di duelli, partite di Quidditch e molto altro.

Leggi
I quattro fantasmi delle Case insieme alla Preside, Lia Pallone
I quattro fantasmi delle Case insieme alla Preside, Lia Pallone

Ma come si sono svolte le quattro giornate? Durante l’evento le Case, oltre ai momenti di gioco in salsa potteriana hanno avuto piacevoli momenti di relax e di aggregazione in cui stringere nuove amicizie e in più vivere un gioco nel gioco: l’Associazione Back To Hogwarts infatti ha proposto ai ragazzi di sventare il piano del temibile Alan Verse, un personaggio misterioso che avrebbe cercato di conquistare Hogwarts!  In ogni libro, come ricorderete, J.K. Rowling non ci ha raccontato solo ciò che accade durante le normali attività di scuola, ma ogni anno è posto all'interno di una cornice di eventi riguardanti il Signore Oscuro, Colui-Che-Non-Deve-Essere-Nominato: Voldemort. Alla stessa maniera, durante i raduni dell'Associazione Back To Hogwarts, i ragazzi sono chiamati a svelare la trama, anticipata dal trailer dell'evento, tramite indovinelli, indizi e altro ancora. "Come se oltre allo stare a scuola ci siano altre cose che succedono intorno a loro" ci rivela Luigi Veneruso, membro del Direttivo nonché regista del trailer e Insegnate di Difesa Contro le Arti Oscure. Il primo giorno, giovedì 27 agosto, ha visto l’arrivo dei ragazzi presso la Stazione Leopolda, la struttura che ha ospitato le attività diurne dell’evento, per le tre del pomeriggio. Ad accoglierli hanno pensato i quattro fantasmi delle Case di Hogwarts e gli insegnanti. Durante i mesi precedenti la manifestazione, con l’iscrizione all’evento, gli aspiranti maghi partecipanti sono stati sottoposti allo Smistamento, la cui cerimonia si è poi svolta alle quattro del pomeriggio: i ragazzi sono stati fatti accomodare in fondo alla Sala Grande e sono stati chiamati uno alla volta dalla Preside, Lia Pallone, e smistati dal Cappello Parlante (Claudio Volpini) nella rispettiva Casa. A seguire, è intervenuto l’Assessore del Comune di Pisa, nonché insegnante di Incantesimi, Marilù Chiofalo. Il programma dei giorni seguenti ha visto le quattro Case, Grifondoro, Tassorosso, Serpeverde e Corvonero, sfidarsi in varie prove, da una sfilata di moda (preparata online tramite i gruppi Facebook delle Case) al Quidditch, dal MagiQuiz al Club dei Duellanti. La prima giornata si è conclusa in serata, con la prova finale della Coppa delle Case Online, ovvero delle prove che durante l’anno mettono le varie Case in competizione e alle quali si può partecipare tramite Facebook. Durante il mese di agosto, le quattro Case hanno preparato otto outfit sulla base di come la propria Casa veste in otto occasioni: gli uomini hanno preparato gli abiti per il giorno, la discoteca, la palestra e il letto; le donne per lo shopping, la sera, una serata di gala e, anche loro, a letto. Sotto gli occhi attenti dei Caposcuola, che componevano la giuria, i ragazzi si sono esibiti per i propri compagni in una sfilata per categoria, accompagnati dalla voce di un compagno che presentava e motivava le scelte fatte per ogni outfit

La Casa Serpeverde al Ballo del Ceppo (foto di Giulio Dell'Aquila)
La Casa Serpeverde al Ballo del Ceppo (foto di Giulio Dell'Aquila)
Il secondo giorno si è aperto con la prima fase del MagiQuiz sulla saga al quale hanno partecipato solo i ragazzi che si sono iscritti. E solo chi ha passato questa fase ha potuto sostenere la seconda nel pomeriggio. Oltre alle lezioni, la cui frequenza è obbligatoria per chi desidera sostenere l’esame finale a fine raduno, si è svolto il Riskiatutto Magico: la quattro Case si sono sfidate sulla conoscenza della magica saga per aggiudicarsi punti per la Coppa delle Case. La giornata si è conclusa con il Ballo del Ceppo, per l’occasione allestito a La Tinaia, una suggestiva struttura d’epoca nel comune di Cascina, vicino Pisa: una serata di musica dove i ragazzi hanno potuto sfoggiare abiti da gala e fare foto vestiti eleganti.
Quidditch Babbano (Corvonero vs Serpeverde)
Quidditch Babbano (Corvonero vs Serpeverde)
Gli sportivi si staranno chiedendo: “E il Quidditch?” Niente paura! La giornata di sabato è cominciata proprio in campo! Nella mattinata del terzo giorno, infatti, si sono giocate le sei partite di Quidditch (babbano) in vista delle finali del giorno successivo. I ragazzi, divisi per squadre, sono sfrecciati sul campo, allestito per l’occasione, con anelli, pluffa, bolidi e boccino. Mentre portiere, cacciatori e battitori si lanciavano all’inseguimento della palla, i cercatori correvano di qua e di là alla ricerca del boccino d’oro!1

Lezione di Cura delle Creature Magiche sui Gufi (foto di Emanuela Corazziari)
Lezione di Cura delle Creature Magiche sui Gufi (foto di Emanuela Corazziari)
Ma la giornata di Sabato non è finita qui! Nel pomeriggio si è tenuta la lezione di Cura delle Creature Magiche, dove si è parlato di gufi, con la presenza di alcuni esemplari in loco. A chiusura della giornata, si sono svolti la caccia al tesoro in giro per Pisa e il Club dei Duellanti, dove dodici ragazzi per Casa si sono sfidati a colpi di incantesimi per primeggiare sugli altri e portare altri punti alla propria Casa. Domenica 30 agosto ha visto giocate le finali del Quidditch con la vittoria dei Serpeverde sui Corvonero, secondi; terzi Tassorosso e quarti Grifondoro. Dopo le lezioni pomeridiane, una serata tranquilla per stare tutti in compagnia, in attesa degli esami del giorno dopo: le Case si sono si sono ritrovati nella vicina Piazza Vittorio Emanuele, per un magico lancio delle lanterne.
Serata Lanterne (foto Giulio Dell'Aquila)
Serata Lanterne (foto Giulio Dell'Aquila)
Ultimo giorno: lunedì, 31 agosto. La giornata è iniziata con gli esami finali sugli argomenti trattati a lezione nei giorni precedenti ed è terminata intorno alle due del pomeriggio con la proclamazione dei vincitori della Coppa delle Case, che ha visto quarti i Tassorosso, terzi i Grifondoro, secondi i Corvonero, e primi, tra cori e urla di acclamazione e bandiere, i Serpeverde! E alla fine, prima di riprendere l’Espresso per tornare al Binario 9 e ¾, abbracci, foto di gruppo e qualche lacrima per poi ritornare tra i babbani… in attesa del prossimo anno!
1.Per chi non ricordasse, meglio dare una rinfrescata ai ruoli e alle regole di base! Le squadre di Quidditch si compongono di sette membri: tre cacciatori, due battitori, un portiere e un cercatore. Quest’ultimo, come dice il nome, deve cercare il boccino d’oro, che prima della partita viene nascosto dagli arbitri. Il portiere difende gli anelli della propria squadra e deve evitare che i cacciatori segnino lanciando la pluffa attraverso di essi. I cacciatori, ovviamente, devono cercare di segnare e contemporaneamente di non farsi prendere dai bolidi, lanciati dai battitori. I battitori, che non possono prendere la pluffa, lanciano i bolidi addosso ai cacciatori e al portiere per “disarcionarli”, ovvero costringersi a scendere dalla scopa e correre a toccare i propri anelli, prima di poter rientrare in gioco.