Venom, il film: ci sarà anche Stan Lee

In preparazione il film con protagonista una delle più crudeli nemesi di Spider-Man, il simbionte alieno Venom. Confermato il solito cameo del "sorridente"

Venom in Spider-man 3

E' una delle nemesi più terribili di Spider-Man: Venom, il simbionte alieno i cui poteri annullano il senso di ragno dell'aracnide.

La notizia non è freschissima. E' da un po' che in rete rimbalza la voce, confermata, che è allo studio un film avente per protagonista il carnivoro alieno. La Sony ha ingaggiato a tale scopo Rhett Reese e Paul Wernick, entrambi scrittori della commedia horror di prossima uscita Zombieland, i quali non hanno ancora dichiarato nulla sulla possibile trama del film; niente ancora poi si sa su chi possa esserne il protagonista.

 

L'unica informazione trapelata fino ad ora riguarda Stan Lee, l'ottantasettenne creatore di molti dei personaggi dell'universo Marvel, che negli ultimi hanni ha sviluppato una grande passione per il cinema e per il piccolo schermo (notizie/3431, notizie/7176).

Spider-Man, Hulk, X-Men, Daredevil, I Fantastici quattro, Iron Man — solo per citarne alcuni — in ognuno di questi film il geniale autore di fumetti statunitense ha fatto la sua apparizione nei panni di un partecipante al World Unity Festival, una guardia giurata, un venditore di hot dog, un passante che legge un quotidiano, Willy Lumpkin, il postino gentile dei Fantastici Quattro e un attempato playboy.

Lee è apparso anche nella prima serie di Heroes in cui ha indossato i panni di un autista newyorkese di autobus.

 

Reese e Wernick in una recente intervista a Superherohype, hanno confermato di non volere rinunciare a questa tradizione, dichiarando di avere previsto una sua apparizione nella loro sceneggiatura. "Possa vivere per sempre." Hanno chiosato i due. "Speriamo che sia ancora in molti film in futuro".

Venom

Il personaggio di Venom ha alle spalle una lunga storia editoriale, cominciata negli anni '80.

La genesi del personaggio risale alla maxiserie di dodici numeri Secret Wars, durante la quale Spider-Man si trova, insieme a vari altri eroi Marvel, ad affrontare, in un lontano pianeta, un agguerrito numero di super criminali; i due gruppi erano stati radunati da una potente entità aliena, chiamata l'Arcano, allo scopo di conoscere meglio la natura umana.

Rimasto senza costume in seguito a un cruento scontro, Peter Parker trova quello che ritiene una sorta di costume che automaticamente assume la forma desiderata dal suo possessore. Il costume sarà quello che da quel momento in poi verrà definito come il "costume nero".

Successivamente l'arrampicamuri, tornato sulla Terra, scoprirà che in realtà il costume non è un manufatto bensi una creatura simbiotica, che mira a prendere il suo controllo. Sfruttando la debolezza della creatura rispetto alle onde sonore, Parker riesce a liberarsi del costume che ritiene distrutto.

In realtà parte della creatura sopravvive e trova un altro essere umano con il quale entrare in simbiosi, ossia Eddie Brock, un reporter che odia Spider-Man perchè è stato smascherato dall'arrampicamuri dopo aver realizzato un falso scoop.

Dalla fusione della creatura aliena con Brock ha origine quindi, nel numero


La copertina di Amazing Spiderman 300, albo dove compare per la prima volta Venom ingrandisci
300 di Amazing Spiderman, scritto da David Michelinie e disegnato da Todd McFarlane, la nemesi chiamata Venom.

Venom ha gli stessi poteri dell'uomo ragno, in più è capace di mutare forma, e di neutralizzare il senso di ragno, che avvisa il tessiragnatele dei pericoli.

Nel corso degli anni '90 saranno molti gli scontri tra i due, e il personaggio sarà protagonista anche di parecchie storie solitarie, passando attraverso diversi allineamenti, da completamente malvagio diventa anche una sorta di perverso giustiziere.

Il costume alieno genererà anche dei "figli", uno dei quali si fonderà con il killer psicopatico Kletus Kasady, assumendo il nome di Carnage, e cambierà anche gli esseri umani con cui fondersi.

Interessante è anche l'incarnazione del simbionte chiamata Toxin, del quale però non sono più comparse storie in solitario, dopo la bella miniserie

Uomo Ragno/Toxin: il diavolo dentro, pubblicata nella collana 100% Marvel nel gennaio 2006.

Nelle storie attualmente pubblicate in Italia, Venom è ospitato da Fred Mac Gargan (che prima era il super nemico di Spider-Man chiamato lo Scorpione) e milita nel super gruppo di ex criminali, reclutati dal governo in cambio dell'amnistia, chiamato Thunderbolts.

 

Diversa è l'incarnazione cinematografica del personaggio.

In Spider-Man 3, diretto da Sam Raimi, viene presentato come un parassita che arriva sulla Terra in un meteorite e s'imbatte casualmente in Peter Parker.  Nottetempo l'alieno ricopre il corpo del giovane che inizialmente non disdegna la simbiosi, sentendosene rinvigorito. Quando Peter si rende conto che la creatura lo sta influenzando negativamente, rendendo esplicite le parti oscure della propria personalità, si separa dall'alieno grazie alla sua vulnerabilità alle onde sonore. Ma l'alieno non muore e riesce a fuggire.

Successivamente la creatura si fonde con Eddie Brock, che nel film è un fotografo il cui falso scoop era stato smascherato da Parker, diventando appunto Venom, una creatura dotata degli stessi poteri di Spider-Man, di denti acuminati mossa dal desiderio di vendetta di entrambe le sue componenti, aliena e umana. Venom troverà apparentemente la morte, a causa di una delle bombe di Goblin. Nel film il personaggio di Eddie Brock è interpretato da Topher Grace.


Topher Grace, che difficilmente sarà di nuovo Eddie Brock sullo schermo
Molti fan sono rimasti insoddisfatti della caratterizzazione che del personaggio era stata data nel film, non solo per i tanti cambiamenti rispetto alla versione fumettistica, bensì per lo scarso spazio dato al personaggio, che ha dovuto dividere la scena con l'Uomo Sabbia e il nuovo Green Goblin, apparendo come un personaggio minore, mentre in realtà è stata una delle nemesi più ricorrenti e presenti nelle avventure fumettistiche di Spider-Man dagli anni '90 in poi.

In realtà questo è dovuto alla visione "classica" di Raimi, che sicuramente si è formato, come lettore, nel periodo d'oro delle storie di Spider-Man. Venom è stato inserito per accontentare le nuove generazioni, ma non è un personaggio amato da Raimi, al contrario degli altri due, nemesi storiche dell'arrampicamuri sin dai tempi di Stan Lee e Steve Ditko.

Il nuovo film darà quindi modo ai fan del personaggio di poterlo ammirare in tutto il suo oscuro splendore.

Gli sceneggiatori infatti hanno dichiarato di essersi attenuti alle "47 regole" imposte dalla Marvel per realizzare prodotti che non tradiscano lo spirito del fumetto originale. In ogni caso, essendosi impegnati a non rivelare altro della trama, gli scrittori si sono limitati ad aggiungere di avere consegnato la bozza della trama ai dirigenti della Sony e di essere ovviamente entusiasti di lavorare a questo progetto.

Autore: Emanuele Manco e Simona Ricci - Data: 9 luglio 2009 - Fonte: www.superherohype.com

Vota questo articolo

Voti dei lettori

5 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 Ennesimo, discutibile film supereroistico. Se l'industria cinematografica impiegasse gli stessi soldi per produrre opere originali, o per dare spazio a film fantasy di maggiore qualità (come l'ottimo Stardust), staremmo tutti meglio. E invece milioni e milioni di euro per l'ennesimo Spiderman, l'ennesimo X-Men, l'ennesimo Fantastici 4... Ovviamente nulla da dire sul Cavaliere Oscuro. Devo dire che, almeno negli ultimi tempi, la DC sta moderando molto di più l'uso delle sue licenze. Sarà che i film di Batman e Superman, per tradizione, sono migliori (con le dovute eccezioni)?

» postato da Laeryn alle 17:33 del 09-07-2009

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.