La congiura dei draghi

Con questo grande romanzo Margaret Weis conclude la “trilogia di Dragonvarld”.

Nel  mese di gennaio il Gruppo Editoriale Armenia inizia il nuovo anno di pubblicazioni di romanzi fantasy con il terzo volume della trilogia di Dragonvarld, scritto dalla famosa autrice Margaret Weis e pubblicato con il titolo La congiura dei draghi (Master of Dragons, 2005).

 

La trilogia si compone dei seguenti titoli: 

 

1. Mistress of Dragons (2003) -  La signora dei draghi

2. The Dragon's Son (2004)     -  Il figlio del drago

3. Master of Dragons (2005)    -  La congiura dei draghi 

 

Questa trilogia densa di intrighi, magia e violenza ci narra della lotta per mantenere il fragile equilibrio che esiste tra gli uomini e i draghi.

Nel primo romanzo ci troviamo nel mondo di Dragonvarld dove gli uomini e

i draghi hanno imparato a coesistere, sia pure fra intrighi e magia nera, ma l’equilibrio precario instauratosi fra le due razze pare sull’orlo del precipizio, si profila pertanto la minaccia di una rovinosa ondata di distruzione che trascinerà gli uomini e i draghi verso una sanguinosa lotta per il predominio.

Le sorti dell’umanità sono quanto mai a rischio...

Sennonché il potere di arginare il caos, il terribile segreto che genera l’equilibrio. risiede nelle mani di una nuova Signora dei Draghi, priva di esperienza...

Nel secondo volume invece conosciamo Marcus e Ven, due gemelli dal

sangue misto, mezzo drago e mezzo umano, che crescono l’uno ignaro dell’esistenza dell’altro, vivendo vite separate: Marcus eredita i poteri magici della madre e diventa il figliastro di Re Edward di Idlyswylde, mentre Ven cresce nella povertà e nella miseria. Entrambi posseggono immensi poteri, e la loro storia vedrà l’intrecciarsi dei destini politici del Parlamento dei Draghi e della società degli umani.

In questo terzo e conclusivo volume proseguono le avventure dei gemelli in situazioni pericolose che potrebbero sfociare in una guerra per il dominio del mondo.

 

 

L’autrice

 

 

Margaret Weis, laureatasi nel 1970 in “scrittura creativa — letterature Anglo-americane” ha lavorato per circa tredici anni presso la casa editrice Herald di Indipendence nel Missouri. Successivamente si trasferisce nel Winsconsis per lavorare come Direttore Editoriale per la TSR la famosa produttrice del gioco di ruolo Dungeons & Dragons per poi entrare a far parte del gruppo che progettò Dragonlance ed insieme al suo creatore, Tracy Hickman, ha scritto numerosi romanzi inerenti il mondo di Dragonlance. Come autore o co-autore ha scritto numerosi altri cicli come Darksword, Rose of the Prophet, Star of the Guardians, The Deathgate Cycle, Sovereign Stone e l’attuale Dragonvarld.

 

 

 

La quarta di copertina

 

 

Nel rissoso Parlamento dei Draghi, l’istinto di conservazione spinge alla guerra e minaccia l’ordine costituito.

In una fortezza segreta, temibili draghi fuorilegge tramano per sottomettere l’umanità intera. Nell’antica città di Seth un ordine mistico di sacerdotesse-guerriere detiene il potere di contrastare gli attacchi dei draghi.

Ai gemelli Marcus e Ven spetta l’onere di scoprire i segreti di questi luoghi e di superare i contrasti personali nel prepararsi a una guerra che potrebbe opporre fratello a fratello, drago a drago per stabilire chi meriti il domino del mondo in quanto specie più evoluta.

 

 

Margaret Weis, La congiura dei draghi (Master of Dragons, 2005)

Traduzione Ileana Appino

Gruppo Editoriale Armenia, collana Classici del fantasy, pagg. 416, euro 17,50

ISBN 978-88-344-2600-5

Autore: Pino Cottogni - Data: 25 gennaio 2011

Vota questo articolo

Voti dei lettori

ancora nessun voto

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

La lista dei commenti à disponibile nella relativa discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.