La copertina de Lo scontro finale, Mondadori
La copertina de Lo scontro finale, Mondadori
Una classifica dalla portata più limitata, in quanto pubblicata da un solo negozio anche se grande, è quella di libreriauniversitaria.it. Se i dati dell'Aie rispecchiano l'intera realtà italiana questa classifica è legata a una realtà molto più piccola, ma ha il merito di fare la somma di quanto venduto nell'intero 2012.

La top 10 è dominata dalla James, le cui Sfumature occupano il primo, terzo e quarto posto. Secondo è Massimo Gramellini con Fai bei sogni, indicato anche dall'Aie come l'autore più vendoto dopo la James, quinto e decimo Pierre Dukan con La dieta Dukan e Le ricette della dieta Dukan, sesto Fulvio Ervas con Se ti abbraccio non aver paura, settimo Ken Follett con L'inverno del mondo e ottavo e nono Andrea Camilleri con Una lama di luce e Una voce di notte.

Per quanto riguarda il nostro genere Luis Sepúlveda con la Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico è al diciassettesimo posto, nonostante lo svantaggio – per la classifica generale – di una pubblicazione verso la fine dell'anno. Lo scrittore di origini cilene però ha un pubblico vastissimo e il suo romanzo, più vicino a una fiaba che a un fantasy classico, viene letto da lettori di genere come da lettori di mainstream, da giovani come da adulti, perciò rappresenta un caso particolare. Un po' come Il piccolo principe, che si trova al diciannovesimo posto.

Fantasy e fantastico in genere anche qui si difendono bene soprattutto grazie alle trasposizioni televisive e cinematografiche, capaci di dare una nuova notorietà a opere prima lette solo dagli appassionati del genere. I tre volumi della trilogia di Hunger Games di Suzanne Collins occupano posizioni di tutto rispetto, ma in questo caso si tratta di fantascienza. Il film dello Hobbit è arrivato troppo tardi per entrare nella classifica del 2012, ma non si può escludere una sua futura presenza in quella del 2013.

Chi ha avuto vendite incredibili è stato Martin che inizia piazzando al trentanovesimo posto Tempesta di spade, quinto volume dell'edizione italiana delle Cronache del ghiaccio e del fuoco. Il fatto che questo, e non un altro tassello della saga, sia il volume meglio piazzato è legato alle vicende editoriali delle Cronache. Mentre i volumi precedenti sono disponibili in più edizioni, che di conseguenza si dividono le vendite, da Tempesta di spade in poi esiste una sola edizione, perciò tutti i lettori della saga passano necessariamente da questo volume e dai successivi. Non per nulla al quarantaseiesimo posto c'è il proseguimento della storia, I fiumi della guerra, e al cinquantesimo la parte seguente, Il portale delle tenebre. Al cinquantaquattresimo ancora Martin con L'ombra della profezia, al sessantaduesimo Il regno dei lupi, al sessantatreesimo Il dominio della regina, al settantatreesimo I fuochi di Valyria, prima delle due novità dell'anno e all'ottantesimo La regina dei draghi.

Ottantottesimo è Murakami con 1Q84. Libro tre, e anche questa è un'opera letta dagli appassionati di mainstream. Ottantanovesima è Lisa Jane Smith con La genesi. Il diario del vampiro, saga già trasposta in televisione. Novantaquattresimo Martin con l'edizione rilegata dei Guerrieri del ghiaccio e novantacinquesima la Kate con Rapture.

Se una classifica di questo tipo sembra troppo “monoautore”, sono comunque diversi gli scrittori che, magari per un breve periodo, hanno catalizzato le attenzioni del pubblico.

Un monitoraggio costante per tutto il corso dell'anno delle classifiche pubblicate settimanalmente dal sito ibs.it ha fornito altri dati parziali relativi ai titoli di alcuni libri che hanno comunque attirato l'interesse di un numero non proprio ristretto di appassionati. Quello che segue è l'elenco delle opere seguito dalla posizione massima raggiunta in classifica e dal numero di settimane di permanenza nella top 50.

Luis Sepúlveda, Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico, Guanda (1° posto, 7 settimane);

George R.R. Martin, I fuochi di Valyria. Le cronache del ghiaccio e del fuoco volume 11, Mondadori (2° p., 20 s.);

Haruki Murakami, 1Q84. Libro tre. Ottobre-dicembre, Einaudi (2° p., 11 s.);

George R.R. Martin, La danza dei draghi. Le cronache del ghiaccio e del fuoco volume 12, Mondadori (3° p., 8 s.);

Kerstin Gier, Green, Corbaccio (5° p., 6 s.);

Lauren Kate, Rapture, Rizzoli (6° p., 10 s.);

George R.R. Martin, Tempesta di spade. Le cronache del ghiaccio e del fuoco volume 5, Mondadori (8° p., 35 s.);

Rick Riordan, Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo. Lo scontro finale, Mondadori (9° p., 6 s.);

Lara Adrian, Il bacio oscuro, Leggereditore (10° p., 4 s.);