Dalla fine di febbraio è in libreria La casa dei fantasmi (This House in Haunted, 2013) dello scrittore irlandese John Boyne. L’autore è ben conosciuto nel nostro paese in quanto molti suoi romanzi di successo sono stati pubblicati dalla Rizzoli. Ricordiamo il bellissimo romanzo, successo internazionale: Il bambino con il piagiama a righe.

La casa dei fantasmi è una Ghost story, un romanzo gotico, dark con ogni pagina infestata da fantasmi. 

L'autore ha scritto il romanzo in prosa dickensiana, un chiaro omaggio alle classiche storie di fantasmi di fine ottocento. La storia si svolge nel 1867 con la protagonista, una graziosa e timida ragazza: Eliza Caine, insegnante presso una scuola privata, che è sempre vissuta con il padre dopo la morte della madre avvenuta vari anni prima. Ora anche suo padre è deceduto e lei scopre che la casa dove ha sempre abitato non è di sua proprietà per cui dovrebbe pagare un affitto che proprio non si può permettere con la paga di insegnante.

Disperata risponde a un annuncio, poco chiaro, nel quale si cerca una governante a Gaudlin Hall. Le sue referenze vengono accettate e le assicurano che un calesse l’attenderà alla stazione.

Al suo arrivo la zona è coperta da una nebbia impenetrabile, viene urtata da una donna che sta andando a prendere il treno di ritorno per Londra. Frastornata cerca l’uscita ma, invece, si dirige erroneamente verso i binari e poco prima dell’arrivo di un treno viene spinta alle spalle. Mentre sta cadendo sotto la locomotiva viene però salvata da un signore. Finalmente un vetturino la chiama, è un uomo rozzo e di poche parole ma Eliza riesce a sapere che poco prima aveva accompagnato la precedente governante della casa che, dopo essersi licenziata, rientrava a Londra: era proprio la donna cha l’aveva urtata poco prima.

Molto scossa dagli iniziali avvenimenti arriva finalmente nella magione di Gaudlin Hall e viene accolta da due bambini: Isabella ed Eustace. in casa non vi è nessun adulto.

Nella notte la timida Eliza deve affrontare una ulteriore terrificante esperienza e al mattino capisce che in quella casa c’è qualcosa di molto sbagliato, si sente continuamente seguita e perseguitata da una presenza maligna che vive all’interno della casa.

La ragazza scopre in sè una forza e un coraggio che non credeva di avere e capisce che se vuole sopravvivere e salvare i due bambini dalle attenzioni violente delle entità che infestano la casa, deve assolutamente scoprire i segreti a lungo sepolti e affrontare i demoni del suo passato.

Un romanzo veramente inquietante che tiene avvinto il lettore sino all’ultima pagina, per lui sarà un viaggio attraverso la paura e capirà come quest’ultima nasce e come può essere superata.

Un brano

.

"C'era una presenza in quella casa, qualcosa di sacrilego; un'idea che avevo allontanato come follia

s'impadronì di me e mi disse che era vero.

Solo che c'era qualcos'altro, qualcosa che prima non avevo immaginato.

Le entità misteriose erano due."

La quarta di copertina

“Se mio padre è morto la colpa è di Charles Dickens.” La vita cambia all’improvviso nell’arco di una settimana per Eliza Caine, giovane donna beneducata ma di carattere, amante dei buoni libri e di famiglia modesta ma rispettabile. Un’infreddatura le porta via il padre che, a dispetto di una brutta tosse, ha voluto ad ogni costo assistere a una lettura pubblica del grande scrittore inglese in una sera di pioggia londinese. Disperata per la morte del genitore, Eliza risponde d’impulso a un annuncio misterioso che la conduce nel Norfolk, a Gaudlin Hall, dove diventa l’istitutrice di Isabella ed Eustace, due bambini deliziosi ma elusivi. Nella grande casa sembra che non ci siano adulti, i genitori dei piccoli Westerley sono di fatto assenti in seguito al terribile epilogo di una storia di abusi, ossessioni e gelosie. Ma contrariamente a quel che sembra, nei grandi ambienti della villa non è il silenzio a regnare: in quelle stanze vuote spadroneggia un’entità feroce e spietata, decisa a imporsi sulla donna per impedirle di occuparsi dei bambini. Una ghost story dal crescendo mozzafiato, un pastiche all’inglese raccontato con gusto, un filo di divertimento e molti brividi da un autore che sa plasmare la materia letteraria.

L’autore

Guida ai luoghi della Terra di Mezzo. John Howe illustra J.R.R. Tolkien

I disegni e le illustrazioni di John Howe da Casa Baggins a Mordor

Martina Frammartino, 13/11/2018

Nella casa del verme

Un racconto inedito di George R.R. Martin con le illustrazioni di John Picacio pubblicato da Mondadori.

Martina Frammartino, 16/10/2017

MarediLibri 2016: a Rimini torna il festival degli adolescenti

John Boyne, Beppe Severgnini, Pierdomenico Baccalario, Jennifer Niven, Fabio Geda, Beatrice Masini e moltissimi...

Chiara Codecà, 15/06/2016