Nella letteratura fantasy dell’ultimo ventennio la tendenza più diffusa tra gli autori sembra essere stata, almeno inizialmente, quella di seguire il solco, certo imprescindibile e quantomai autorevole, tracciato da J. R. R. Tolkien.

Nonostante ciò non costituisca necessariamente un limite alla creatività e all’abilità tecnico-narrativa di alcuni tra loro, è comunque una conseguenza il fatto che i lettori più appassionati di questo genere e più esigenti abbiano sentito la necessità di nuove voci, che narrassero di mondi ancora inesplorati e in modo differente.

Tra le prime di queste voci, negli ultimi anni divenute un coro di talenti che hanno contribuito a versare linfa giovane alla narrativa fantasy, c’è quella di Steven Erikson.

Il background culturale di Erikson è stata una delle matrici di questo nuovo modo di raccontare il fantastico. Archeologo e antropologo oltre che appassionato di narrativa fantasy, l’autore canadese ha iniziato a creare il proprio mondo a strati successivi, insieme al collega Ian Cameron Esslemont (autore finora di due libri, inediti in Italia, che arricchiscono l’affresco narrativo della serie principale).

Non a caso, il fondamento di uno scavo archeologico è la stratigrafia. Non a caso, il mondo di Erikson ha una profondità storica e culturale immensa, in cui ogni strato si innesta sul precedente. E ogni strato racconta di culture e storie con un dettaglio e con una ricchezza impressionanti.

Il taglio narrativo prediletto da Erikson è quello della storia militare così come lo è quello di uno dei suoi maestri, Glen Cook, anch’egli autore di rottura rispetto alla diffusa tendenza degli scrittori di genere a lui contemporanei, che dagli anni ’80 ha finora ideato tre saghe incentrate sulle vicende di una compagnia di mercenari (Black Company).

Questa scelta comporta un’attenzione particolare per certi aspetti stilistico-narrativi: il realismo, che nella cronaca di guerra è veicolo principale per trasmettere al lettore le dinamiche psicologiche dei personaggi così come la vividezza degli eventi bellici su larga scala, i toni a chiaroscuro dell’ambientazione e delle situazioni, che si riflettono anche nell’assenza di una netta distinzione tra bene e male. La guerra, dopotutto, è una dimensione umana e come tale non può prescindere dai chiaroscuri che nell’animo umano albergano.

La Catena dei Cani, la catabasi del Pugno Coltaine della Settima Armata dell’Impero Malazan, si è conclusa con il sacrificio dei soldati Malazan e Wickan per permettere ai rifugiati civili di trovare la salvezza nella città di Aren.

L’Imperatrice Laseen affida così al nuovo Aggiunto Imperiale, Tavore del casato di Paran, il comando dell’esercito punitivo che dovrà porre fine alla ribellione scoppiata nel continente di Sette Città. L’esercito imperiale è però costituito principalmente da reclute e da un piccolo gruppo di veteranireduci dalla tragica impresa di Coltaine e spezzati nell’animo.

Nel frattempo Sha’ik, l’eletta della Dea del Vortice la cui rivelazione ha innescato il fanatismo religioso che insieme è causa e giustificazione della ribellione, è accampata con il suo esercito nel cuore del Deserto Santo di Raraku, protetta dalla magia della Dea ma in costante pericolo a causa delle profonde divisioni in seno alla sua vasta armata, di cui fanno parte anche gli Uccisori di Cani dell’infido Korbolo Dom.

Su questa trama principale, come è solito aspettarsi da Erikson, si innestano quelle, tra di loro collegate, che fanno da filo conduttore della serie. Anche sotto questo aspetto l’autore canadese ha dimostrato di essere un innovatore: se alla fine di ogni suo volume il racconto principale si conclude, dando al lettore un senso di appagamento e di compiutezza, altre linee narrative (soprattutto quelle legate ai giochi di potere tra le divinità, manifestati nel Mazzo dei Draghi) si ricongiungono a quelle dei volumi precedenti (con antefatti che risalgono anche a centinaia di migliaia di anni rispetto al tempo della trama principale) e promettono nuovi colpi di scena e nuove rivelazioni in quelli successivi.

E così, anche in La Casa delle Catene, nell’avvicinarsi della resa dei conti fra le legioni Malazan e l’esercito dell’Apocalisse, avviene una convergenza di poteri alla quale Déi e Ascendenti sono chiamati.

Giocare con le ossa. Su Steven Erikson e sulla traduzione

Una nuova edizione del Libro Malazan dei Caduti di Steven Erikson, con una traduzione completamente rivista,...

Paolo Pegoraro, 30/01/2018

Steven Erikson ha terminato The Forge of Darkness

E' conclusa la stesura del primo romanzo della Kharkanas Trilogy, ambientata nel mondo Malazan.

Cristina Donati, 4/11/2011

Steven Erikson ai DelosDays

L'ideatore della saga della Caduta di Malazan si aggiunge a Tanya Huff e Robert J. Sawyer, come ospite...

Emanuele Manco, 17/03/2011