Doramarth è fondamentalmente il lavoro di una sola persona, Andrea Alemanno: un'ambientazione fantasy di tipo classico, quindi familiare agli appassionati del lavoro di Tolkien e degli scrittori che vi si sono ispirati. Umani, elfi, nani... suonerà piuttosto familiare. Un lavoro che ha assunto, nel giro dei due anni di vita di questo blog, una dimensione ampia, con il supporto di un Immaginarium, una raccolta di immagini, fotografie, viste insolite del nostro mondo che vengono versate in questo immaginario fantastico per dargli concretezza.

Un'ambientazione nata per il gioco di ruolo, che consente ai partecipanti di aggiungere le proprie storie e modificare questo mondo.

In Doramarth c'è anche una nutrita serie di pezzi per la colonna sonora del lettore, ovvero link che vi porteranno generalmente su youtube (uno o due non sono in realtà funzionanti). Altri link porteranno verso alcune risorse in rete per gli amanti del fantasy. Per il resto, il blog è incentrato sulla creazione di questo mondo immaginario. Una ricca storia, con una complessa divisione in Ere, tra gesta di divinità, epici avvenimenti, nascita di stirpi e grandi catastrofi.

Un discorso sulle religioni, con l'esame dei culti nel dettaglio. Un sistema magico piuttosto dettagliato. Un calendario particolare di queste terre (e piuttosto complicato). Una certa quantità di racconti brevi, che vanno ad arricchire l'ambientazione, e approfondimenti geografici con cartine e descrizioni di varie regioni di Doramarth. Non manca un dizionario.

Che dire di Doramarth? Mentre creazioni del genere non sono rarissime, questo mondo gode di una mole notevole di dati, di un'impostazione abbastanza rigorosa, di un impatto complessivo gradevole e accattivante. Sicuramente interessante per l'appassionato.

L'organizzazione non sempre è chiarissima nonostante non manchino indici e rimandi che cercano di agevolare chi vuol muoversi tra questa mole di articoli. La forma espositiva del blog, per quanto comoda nel momento di pubblicare il materiale, potrebbe non essere la più comoda quando un lavoro raggiunge una certa massa critica e va indicizzato e organizzato.

Inoltre, del blog manca uno dei presupposti, ovvero l'interazione con i lettori. Può darsi che altri appassionati (e giocatori) seguano, e influenzino questa ambientazione come è nei propositi dell'autore, ma di commenti visibili ce ne sono assai pochi, e questo fa sembrare Doramarth essenzialmente un massiccio sforzo personale, più che il risultato di tanti diversi contributi. Giusta o sbagliata, questa è l'impressione. Del resto, non sempre è facile, per chi ha la passione e il talento necessari a intraprendere un simile lavoro, trovare collaboratori con le medesime abilità e la stessa dedizione.

Un altro sforzo individuale di cui facciamo volentieri menzione è quello di Consuelo Venturi, artista di Spoleto. Una galleria, ben organizzata, delle proprie opere (disegni, illustrazioni digitali, dipinti), molte delle quali esposte in vendita. Alcune attinenti al fantastico, altre meno. Va precisata una cosa: questo non è esattamente il tipo di sito cui pensavamo quando abbiamo cominciato questa esplorazione del web, tuttavia raccogliamo la segnalazione per la suggestione di certe immagini enigmatiche, di alcuni accenni al surreale, e di alcune tematiche attinenti al fantastico che sicuramente piaceranno al nostro pubblico.

Consuelo Venturi vanta una certa quantità di esposizioni in ambito nazionale e internazionale e alcune pubblicazioni, come riportato nella pagina dedicata alal sua biografia.