La leggenda è finita. Ogni singola parte del trittico in cui Christopher Nolan ha riportato a nuova vita il Cavaliere Oscuro sul grande schermo ha ora un significato più ampio, uno scopo più vasto. Coerente e completa, la personale visione di Nolan di uno dei supereroi più longevi, complessi e amati della storia del fumetto ha un senso profondo che va ben oltre la semplice e immediata spettacolarità delle sue gesta, delle sue risorse fisiche e tecnologiche. Perchè Batman, in più di settant'anni di storie di carta e china è stato, ed è, molte cose. Ma più di tutto è un uomo che affronta la propria ossessione, la propria paura, la propria rabbia, che si spinge al di là dei limiti che un essere umano può tollerare. E, in questo terzo e ultimo capitolo della trilogia, il suo ergersi a simbolo, a forza primordiale, pura, incorruttibile, è colto pienamente.

La maschera e l'uomo, dunque: Batman e Bruce Wayne. Il rapporto tra l'una e l'altro (ma qual è l'una e qual è l'altro, veramente?) tra ciò che il bambino che ha assistito all'assassinio dei suoi genitori era e avrebbe potuto essere, e ciò che è poi diventato, è un altro elemento fondamentale di questo film. Lo è la figura dell'uomo, all'inizio della storia privato delle motivazioni che lo hanno fino ad allora spinto ad agire, pieno dell'antica rabbia che non è più ormai forza ma che lo immobilizza nella sua solitudine, in un esilio.

Reso magistralmente da un Christian Bale che soprattutto nella prima parte del film domina la scena, Bruce è orfano anche di quella maschera che ha dato uno scopo al suo dolore. Al suo fianco, come sempre, c'è il maggiordomo Alfred, ancora una volta interpretato da un incredibile Michael Caine, e capace di dar vita insieme al protagonista ad alcune delle sequenze più intense, da un punto di vista emotivo, dell'intera trilogia: tale è il rapporto che li lega l'uno all'altro che soprattutto nei dialoghi tra di loro si porta alla luce il conflitto interiore del protagonista, tra l'uomo e la maschera che quello indossa. C'è un Gary Oldman magnifico, vibrante di intensità drammatica in ogni fotogramma della sua interpretazione del commissario Jim Gordon, invecchiato ma più che mai decisivo nel proteggere la sua città e teso a redimere se stesso e il suo più grande alleato, Batman.

Orfano dei genitori proprio come Bruce Wayne, l'agente di polizia John Blake (un eccellente Joseph Gordon-Levitt) comincia a fare breccia in quella fortezza che per otto anni dalla fine del precedente capitolo il milionario ha innalzato intorno a sé.

The Dark Knight Rises, la fine si avvicina

Meno di un mese all'uscita negli USA del prossimo, e ultimo, lungometraggio di Nolan ispirato a Batman:...

Andrea Massacesi, 22/06/2012

The Dark Knight Rises, il secondo trailer in italiano

Dopo il lancio negli USA in occasione della première di The Avengers, anche nel nostro paese è stato diffuso il...

Andrea Massacesi, 8/05/2012

The Dark Knight Rises, l'anteprima al CinemaCon

In attesa dell'imminente nuovo trailer ufficiale del capitolo conclusivo della sua trilogia su Batman, Christopher...

Andrea Massacesi, 2/05/2012